- Sabato
Agosto 24, 2019

Centro di ricerca sui diritti umani

Libano: Alla presenza di Hezbollah incontro di sostegno e solidarietà per il Venezuela

2019/03/05, 00:26


Libano: Alla presenza di Hezbollah incontro di sostegno e solidarietà per il Venezuela   

Rappresentanti e membri della Resistenza si sono incontrati sabato scorso, nella capitale libanese Beirut, a sostegno del presidente venezuelano Nicolas Maduro, e per denunciare la violazione delle leggi internazionali da parte degli Stati Uniti.

È stato il partito politico libanese al-Mourabitoun a dare il via alla riunione.
 
Mostafa Hamdan, leader di al-Mourabitoun, ha lanciato un appello "tutti gli amanti della libertà di stare al fianco del popolo e del governo venezuelano".
 
All'incontro di Beirut erano presenti varie personalità, tra cui il presidente del Consiglio politico di Hezbollah, rappresentanti dei partiti libanesi, come Amal e la CPL, Movimento patriottico libero.
 
Hanno partecipato anche gli ambasciatori di Venezuela, Russia, Siria, Iran e il Segretario generale di Fatah, nonché le fazioni della resistenza palestinesa (Hamas, Jihad e FPLP).
 
Hezbollah
 
Mahmoud Qomati, presidente del Consiglio politico libanese di Hezbollah, ha invitato la nazione americana - impegnata su principi come i diritti umani e la libertà delle persone - a mettere in discussione l'amministrazione di Donald Trump, che è "un famigerato squilibrato, un uomo privo di ragione che persegue ostinatamente i suoi obiettivi. Ma il Venezuela è un paese rivoluzionario e il suo popolo lo rivendica forte e chiaro.
 
"Stiamo tutti aspettando la liberazione della Palestina e di al Qouds dal giogo del regime sionista. Il Venezuela sostiene fortemente la causa palestinese. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, per legittimare la loro ingerenza negli affari del Venezuela, accusano quel paese di aiutare gli Hezbollah del Libano. È importante sapere che l'esercito venezuelano, i leader e le persone non hanno bisogno di nessuno per gestire la crisi e vincere contro il terrorismo degli Stati Uniti ", ha spiegato Qomati.
 
 
Russia
 
Alexander Zasypkin, ambasciatore russo in Libano, ha descritto le misure di Washington (l'imposizione di sanzioni, la generazione di conflitti interni e i disordini alle frontiere) come violazioni del diritto internazionale. "Washington sta cercando di espandere la portata della crisi che ha creato in tutta l'America Latina. Vuole destabilizzare il Medio Oriente e usare "l'affare del secolo" per smembrare il mondo e renderlo infuocato. Ma il mondo sta cambiando e passando da un sistema unipolare a un sistema multipolare", ha affermato Zasypkin.
 
Ha aggiunto: "Stiamo lavorando per una risoluzione pacifica dei problemi nel mondo. La Siria si sta stabilizzando sempre di più grazie all'esercito siriano e alle truppe alleate. La questione della Palestina è vitale, basata sul ripristino della giustizia e la liberazione dei territori occupati in conformità con le risoluzioni delle Nazioni Unite."
 
Siria
 
Ali Abdel Karim Ali, l'ambasciatore siriano in Libano, ha dichiarato: "La nostra forza fa gridare di rabbia i nostri nemici. I combattenti di tutto il mondo devono imparare da otto anni di crisi in Siria ... La Siria sostiene il popolo e il governo venezuelano."
 
Fatah
 
Il segretario generale del movimento Fatah crede che il regime sionista e il suo alleato americano vogliano seminare discordia e frantumare i paesi latinoamericani, attraverso gli scenari adoperati nei paesi arabi.

Parola chiave

Hezbollah،Libano،Venezuela

Le vostre opinioni:

Verità ONG ha ricevuto i tuoi suggerimenti e li ha analizzati attentamente.

La tua opinione

La tua opinione

Notizie collegate

free website counter