- Sabato
Febbraio 16, 2019

Centro di ricerca sui diritti umani

Il ritiro dell’ Italia dall’ Afghanistan

2019/02/03, 23:51


Il ritiro dell’ Italia dall’ Afghanistan   

Il ministro Trenta ha annunciato che l' Italia valuterà il suo ritiro dall' Afghanistan.

“Il ministro Trenta ha dato disposizioni al Coi di valutare l’avvio di una pianificazione per il ritiro del contingente italiano in Afghanistan“. E’ quanto riferiscono fonti della Difesa, aggiungendo che “l’orizzonte temporale potrebbe essere quello di 12 mesi”.
Da tempo si parla di una contrazione del contingente in Afghanistan e di un dimezzamento di quello in Iraq, con l’ annunciata chiusura nel primo trimestre di quest’ anno della task force Praesidium, vale a dire i 470 militari a protezione della diga di Mosul, per un maggior impegno in Africa, dove sono concentrati gli interessi nazionali, in riferimento ai flussi migratori.
I parlamentari del MoVimento 5 Stelle nelle commissioni Esteri al Senato e alla Camera dei deputati hanno applaudito la scelta della ministra Trenta. Intanto però il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi ha manifestato all’ ANSA il suo stupore per la notizia.
Fonti della Lega invece fanno sapere che  non è stato ancora deciso nulla: “Facciamo quel che serve per riportare pace e stabilità. Al momento nessuna decisione è stata presa ma solo una valutazione da parte del ministro per competenza”. 
L’attuale contributo nazionale – si legge sul sito della Difesa – prevede un impiego massimo di 900 militari, 148 mezzi terrestri e 8 mezzi aerei, suddivisi tra personale con sede a Kabul e contingente militare italiano dislocato ad Herat presso il TAAC-W (Train Advise Assist Command West). 
 

Parola chiave

Guerra in Afghanistan،Italia

Le vostre opinioni:

Verità ONG ha ricevuto i tuoi suggerimenti e li ha analizzati attentamente.

La tua opinione

La tua opinione

Notizie collegate

free website counter