- Giovedí
Marzo 21, 2019

Centro di ricerca sui diritti umani

5 senatori Usa pagati dalla lobby saudita per sostenere la guerra in Yemen

2018/12/29, 23:34


5 senatori Usa pagati dalla lobby saudita per sostenere la guerra in Yemen   

Almeno cinque dei 37 senatori repubblicani statunitensi che hanno votato contro una recente risoluzione per porre fine al sostegno militare degli Usa alla guerra a guida saudita nello Yemen, hanno ricevuto contributi elettorali da Lobby che lavorano per l' Arabia Saudita, secondo uno studio.

I senatori Tim Scott, John Boozman, Roy Blunt, Richard Burr e Mike Crapo hanno tutti ricevuto contributi finanziari da ditte che rappresentano gli interessi sauditi tra il 2016 e il 2017, secondo un rapporto del Center for International Policy (CIP).
Secondo PressTV, il rapporto, pubblicato il mese scorso dal "think tank" con sede a Washington, illustra come Riyadh usi la sua vasta ricchezza per influenzare la politica estera degli Stati Uniti.
Tutti e cinque i senatori repubblicani hanno votato contro il disegno di legge, che, se approvato, avrebbe costretto gli Stati Uniti a limitare il proprio sostegno alla devastante guerra saudita nello Yemen.
I senatori nella camera alta del Congresso hanno votato 63 a 37 per portare avanti la risoluzione. La Camera dei rappresentanti deve ancora intervenire sulla guerra nello Yemen.
Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha propagandato il lucroso acquisto di armi da parte degli Stati Uniti, ha minacciato di porre il veto sulla legge se dovesse arrivare sulla sua scrivania.
L'Arabia Saudita ha speso circa 27 milioni di dollari in attività di lobbismo nel 2017, secondo alcune stime.
Alcune aziende legate a attività di lobbismo, come il Glover Park Group e il BRG Group, hanno abbandonato i loro clienti sauditi in seguito al contraccolpo per l' omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi nel consolato saudita a Istanbul, in Turchia.
Trump ha respinto un' analisi della CIA secondo cui il governante de facto dell' Arabia Saudita, il principe ereditario Mohammed bin Salman, avrebbe probabilmente ordinato l' omicidio di Khashoggi.
Trump ha promesso di rimanere un "partner costante" dell' Arabia Saudita nonostante le ripetute richieste dei membri del Congresso per una forte risposta degli Stati Uniti alla morte di Khashoggi.
L'uccisione di Khashoggi ha esercitato una pressione senza precedenti sui legami tradizionalmente stretti tra i due paesi e ha contribuito a rafforzare gli sforzi per fermare la guerra guidata dai sauditi.
La guerra nello Yemen ha ucciso più di 15.000 persone e ha creato l'emergenza umanitaria più urgente al mondo.

Parola chiave

Guerra in Yemen،USA،yemen

Le vostre opinioni:

Verità ONG ha ricevuto i tuoi suggerimenti e li ha analizzati attentamente.

La tua opinione

La tua opinione

Notizie collegate

free website counter